Traduci
Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

link
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condividi l'indirizzo di Un mondo migliore sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Scopo del forum

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Scopo del forum

Messaggio Da Admin il Dom 27 Apr 2008, 20:41

Salve
poche righe per definire lo scopo e la linea di Per un vivere migliore.

Apparentemente nato per caso, il forum è piuttosto il risultato di un percorso di più persone che si trovano ogni giorno a confrontarsi su temi riguardanti il benessere fisico, psicologico, emotivo e sociale.
Da qui quindi l’idea di allestire uno strumento di condivisione e di confronto di esperienze.

Il forum nasce su base psicologica, perché tale è la competenza di chi scrive, ma è strutturato in modo tale da poter accogliere altre competenze.
Vi sono persone che vivono degli intensi stati di malessere. Tormentati vissuti personali, familiari e relazionali determinano dolore, amarezza, insoddisfazione che restano relegati nell’intimo di una persona, a volte anche una vita intera.
Un problema psicologico, uno stato fobico, una ossessione, una tristezza, una difficoltà relazionale o una problematica alimentare o sessuale, alimentano un atteggiamento di solitudine e chiusura nei confronti del mondo.

Un problema psicologico può essere invalidante quanto un male fisico, ma per alcuni non è facile parlarne così come si parla di un mal di stomaco o di un dolore alla schiena.
Inoltre spesso vi è l'errata convinzione che sia impossibile da risolvere.
E chi non riesce a trovare un buon ascolto, un giusto consiglio, una affettuosa  comprensione, vede aumentare la portata del malessere e il proprio senso di solitudine.

Nella vita ordinaria, ci si confronta facilmente su temi comuni – lavoro, sport, politica, economia – ma si stenta a rivelare un problema personale.

A volte invece si avverte un malessere senza conoscerne i motivi. Si soffre, ma non si sa il perché, oppure si attribuisce la colpa del proprio malessere a una persona o a una situazione, e si continua a desiderare chissà cosa, senza mai ottenere serenità ed equilibrio.

Ma il malessere, una volta strutturato, non resta relegato alla sfera del Sé, ma come un virus contagioso, si propaga a chi è vicino.
Come è possibile infatti esser sereni quando chi ci è accanto soffre?
Intere famiglie vengono trascinate nelle problematiche di uno dei componenti. Spesso si cerca in qualche modo di cautelarsi, di "salvarsi", disinteressandosi dei problemi familiari o anche allontanandosene fisicamente.
Ma paradossalmente pare che più ci si concentra su di sé, sulle proprie esigenze e sui propri bisogni, più aumenta il disagio personale, relazionale, sociale ché purtroppo quel che si caccia dalla finestra spesso rientra dalla porta.
A tal proposito esiste anche un modello matematico che prova in maniera inconfutabile che l'atteggiamento egoistico a lungo andare non paga, non rende quanto l'atteggiamento collaborativo. Perché siamo tutti legati come a doppio filo e solo dalla collaborazione ci si fortifica l'un l'altro, risolvendo problematiche e creando serenità.

Da questo presupposto nasce Per un vivere migliore.

Un salotto virtuale inteso come spazio di condivisione e di ascolto, di contenimento di vissuti e di esperienze. Perché senza il supporto, l’aiuto e l’attenzione dell’altro, si resta fermi, come bloccati nelle sabbie mobili.

La comunicazione virtuale ha di certo i suoi limiti, ma è pur sempre preferibile a non comunicare affatto. Consente di raggiungere un maggior numero di persone e avvalendosi dell'anonimato, aiuta la comunicazione anche dei più introversi.

Apprendere a condividere e a confrontarsi è il primo passo per uscire dalla solitudine così come e a interessarsi anche di chi sta accanto e all’ambiente in cui si vive. Perché la salute, il benessere psicofisico, non può prescindere da chi o cosa ci circonda.

Il forum quindi, nato su base psicologica, e basato sul principio della condivisione di esperienze, storie personali e di competenze.
Aperto ad ospitare ogni genere di confronto e professionalità, parte dal presupposto che: per stare bene occorre adoperarsi con attenzione per il benessere proprio, di coloro che sono accanto e dell’ambiente in cui si è inseriti.

Una condivisione intesa ad ampio raggio. Perché condividere un consiglio pratico, una esperienza di crescita, ma anche frivola o un evento significativo, ripristina i livelli di comunicazione e rappresenta un primo passo nell’ottica della partecipazione.

Per un vivere migliore occorre lottare contro la logica imperante che insegna la salvaguardia esclusiva del proprio interesse. Perché pensando solo a se stessi non si va da nessuna parte, ché non si può vivere sereni a scapito di chi ci vive accanto, o peggio ignorandone la sofferenza.
Non si può essere sani nel corpo e nella mente in un ambiente avvelenato.
Il disinteresse, la furbizia e l’egoismo non pagano. Sono sistemi che a lungo andare si ritorcono contro e generano un malessere sociale che inquina le menti e l’aria.

Oggi le società impongono modelli basati sull’apparenza e sul potere economico, con l’unico risultato di generare una insoddisfazione dilagante di gente infelice che esprime i propri malesseri con comportamenti a rischio quali depressioni, disturbi alimentari, abuso di sostanze, atti di prevaricazione, violenza, eccetera.
Una società dove vivere diventa sempre più faticoso, e dove tutti si lamentano di tutto.
Ma per vivere in un mondo migliore occorre che ognuno faccia la propria parte, coltivando in sé il giusto equilibrio e ponendo la giusta attenzione a chi è vicino (a volte basta poco, anche un sorriso, una mano tesa…) e dato che anche una piccola goccia d'acqua in un deserto può alleviare il senso di sete, tante piccole gocce possono realizzare un’oasi, e tante oasi un lago e via di seguito, e quindi anche il più piccolo contributo può avere il suo senso.

Solo in questo modo si potranno realizzare società più sane e più stabili perché formate da persone più felici.
Occorre solo che ognuno faccia la propria parte, con forza, coraggio e tanta lucidità e sarà l'inizio di un percorso che renderà tutti più forti e più sereni.
Noi, insieme … Per un vivere migliore.
L'amministratore del forum
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 86
Data d'iscrizione : 24.04.08

Vedi il profilo dell'utente http://unmondomigliore.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum